Home page 
men  
 
 
Filastrocche e tiritere 
Con la registrazione vocale di Piero Rodoni 
Se gradite sentire altre registrazioni vocali, contattatemi a: i2nay@teletu.it 
 
 
 
Lultimo giorno di scuola 
 
Oggi lultimo giorno (di scuola) 
domani la partenza 
ciao morosa mora (abbronzata ) 
a scuola non vengo pi. 
ora di far correre (cacciare via) 
maestro e direttore 
e se non abbastanza 
bidello e cartolaio. 
 
In ch l lltim d 
dum l la partnza  
ciu mura tncia  
a schra a vegni p.  
L ra da fa crr  
mastar e diretrr  
e sa l mia se  
bidll e cartule.  
registrazione vocale 
 
Si lo so, sono un poco stonato, se qualcuno si presta a cantarla si faccia avanti, grazie. 
 
e-mail contatti: i2nay@teletu.it 
 
La giubia di dnn (festa delle donne) 
 
Lultimo gioved del mese di gennaio le donne si ritrovano per festeggiare fra di loro la giubia. **. 
Si racconta che una volta gli uomini (esclusi dalla festa) fecero uno scherzo alle donne mentre stavano festeggiando con frittelle e vino dolce, calando una gamba dallarbll ** facendola dondolare per aria. Le donne tutte spaventate scapparono via, abbandonando tutto quel ben di Dio che gli uomini fecero loro.  
Ecco di seguito la tiritera. 
 
Donne, donne, andate a dormire, 
avete gialli gli occhi dovete morire, 
se non volete che Dio vi faccia morire, 
guardate in alto che dondola la gamba. 
 
Dn, dn, and a durm,  
ghi giald i cc, i da mur, 
se vur mia, che Du la manda, 
guard ' in aria ca dnda la gamba  
 
 
 
Ul barba Pedna 
 
Barba Pedana aveva un gilet, 
senza il davanti, con via il dietro, 
aveva le asole larghe una spanna, 
era il gilet di Barba Pedana. 
 
Barba Pedna l gava n gil, 
snza l dannz cn va l dadr, 
l gava i ug lrgh una spna, 
lra l gil dal Barba Pedana. 
 
 
Ul barba pedan (altra versione) 
 
Barba Pedna aveva un figlio 
Che lo allevava a bucce di fagioli, 
di bucce di fagioli non ne aveva pi, 
lo allev a pedate nel sedere. 
 
Barba Pedna l gavea n fi 
ca la tirva s a pll da fa
da pll da fa ga neva p 
la tir s a pesci n dal c
 
 
Crpa pelda 
 
Testa pelata ha fatto le frittelle 
non ne d ai suoi fratelli, 
i suoi fratelli fanno la frittata 
non ne danno a testa pelata. 
 
Bgia pirva la fai i turti, 
ghan da mia ai s fradi, 
i s fradi an fai la fritva, 
ghan dan mia al bgia pirva.  
 
 
** vedi voce sul vacabulri da Caur 
 
 
Santa Clara 
 
Santa Clara prestami la scala, 
per andare in Paradiso a trovare i miei amici ; 
i miei amici sono morti, non c nessuno che  
gli fa il funerale. 
Gli angeli cantano, il Signore predica, 
la Madonna inginocchiata dice le orazioni. 
Salta fuori un angioletto con in mano un  
mazzolino, pieno di rose, di rose e fiori da  
donare al nostro Signore. 
E la croce tanto bella che luccica in cielo e in  
terra, in cielo e in terra arriver le cinque piaghe mostrer ;  
chi la sa e chi la dice andranno in Paradiso ;  
chi non la sa o non la vuole sapere, 
al giorno del giudizio si trover malcontento. 
 
 
Santa Calra imprstum la scra, 
pa n and in Parad a tru i me am ; 
i me am in mrt, ghe nis che ghe fa l crp. 
I ngiur a cant, ul Signr a predic, 
la Madna in ginugi, ca la di i urazi. 
Salta fra unAngiur, cnt in m un mazur, 
pi da r, da r e fir, da dungh al nst Signr. 
E la Cr le tnta bla, la luss in ciel e n tra, 
in ciel e n tra al vegnar, i cnch pigh al mustrar ; 
chi la sa e chi la d andarnn in Parad ; 
chi la sa n o la vr mia intnd, 
al d dal gidzi 'l sa trar malcuntnt. 
registrazione vocale 
 
 
La filastrocca della nonna 
Trotta trotta a cavalcioni, (sulle ginocchia) 
quello s un bonaccione, 
quello gi un "nato stanco", 
quello sulle ginocchia un villano. 
(alzando e abbassando i talloni da terra di continuo, creando cos un certo dondolio). 
 
Trtt trtt cavaltt, 
qul ghe s l' n' bl gagit, 
qul ghe gi l' n' trta pi, 
qul ghe s l' n'bl vil 
 
Altra versione 
Trotta trotta a cavalcioni, 
gi dai dai piedi su nei monti, 
buon pane buon vino, 
fai trottare quel cavallino. 
 
Trtt trtt cavaltt, 
gi di pe s di mt, 
bn p b v, 
fa trut qul caval. 
(il bambino a cavalcioni sulle ginocchia si fa saltare alzando i tacchi delle scarpe facendolo trotterellare, con le mani dietro la nuca  
si lascia andare fino a quasi toccare terra alla fine della tiritera dicendo: l l l).  
 
Il nome delle dita 
did - mignolo 
spus - annullare 
lung - medio 
cva c - indice 
mza pic - pollice. 
 
Altra versione  
G fm - pollice 
fm la pulnta - indice  
gh mia da farna - medio 
andm a rubla - annullare 
ga n un zichin in sul cam dmala a m che sm piscin - mignolo. 
 
A scuola 
Din don della chi suona la campanella, 
din don da chi la rotta pagher. 
 
Dn dn dla chi ca sna la campanla, 
dn dn d chi la rta pagar. 
(una volta nella scuole c'era la capanella che si tirava a mano con la corda). 
 
torna inizio pagina 
 
Scioglilingua 
 
Tu che attacchi i tacchi, 
attaccami i tacchi a me, 
io attaccarti i tacchi a te? 
attaccali tu i tuoi tacchi 
tu che attacchi i tacchi. 
 
Ti ca te tcat i tch,  
tcum i tch a mi,  
mi tact i tch a ti? 
tcatai ti i t tch 
ti ca te tcat i tch. 
 
 
Alcune tiritere che si cantavano  
con i bambini sulle ginocchia 
 
Occhio bello  
suo fratello, 
orecchio bello 
sua sorella, 
chiesa dei frati, 
campane da tirare, 
din, din. 
 
(Prima si toccava la palpebra di un occhio,  
quanto bastava per farlo chiudere, poi laltro.  
Poi si tirava leggermente un orecchio e poi laltro.  
Un dito sulla bocca, poi si tirava leggermente il nasino dicendo din, din.)  
 
Ug bll  
ul s fradll, 
urgia bla 
la s surla, 
ga di fr, 
campan da tir, 
dn, dn, dn. 
 
 
Teresa borghesa 
ha fatto tre venti (scoregge) in chiesa, 
il Curato ha sentito,  
e lo stagnino le ha tappato lano. 
 
Terea burghea 
la fai tr ptt in gea, 
l Crd a la sent 
l magn ga stagn l c
 
 
Carlo va a mungere 
tre secchi per capezzolo, 
la mucca pi bella 
ne ha fatto un secchio, 
la mucca piccolina  
ne ha fatto una tazzina, 
Carlo va a mungere 
tre secchi per capezzolo. 
 
Carul fa lcc 
tre sidi par pcc, 
la vca pse bla 
na fai una sidla, 
la vca piscinna  
na fai una tazzina, 
Carul fa lcc 
Tre sidi par pcc. 
 
 
 
Mano morta  
picchia la porta, 
picchia il portone, 
cif e ciaf sul viso. 
 
(si prendeva il polso del bambino facendo dondolare appena la mano come fosse morta, poi mentre si diceva cif si dava uno schiaffetto da una parte e con ciaf dallaltra.) 
 
M mrta 
pca la porta, 
pca l purt, 
cff e ciff in sl ms. 
 
 
Toni Toni sbuccia mele, sbuccia fichi, capitano delle formiche, 
capitano della guerra prendi il fucile e cadi per terra. 
 
Tgn Tgn perapmm, pra figh, capitani di furmgh, 
capitani da la gura ciapa l scipp e brla in tra. 
 
Serafino cosa fai su li, non so cosa fare fischio. 
 
Zeraf ze ftt z l, zo n ze fa zifli.  
 
Questa filastrocca la recitavano i ragazzi delle  
elementari anni 1909 1913 (vedi foto al  
capitolo: toponomastica, al paragrafo:  
Scr). Tra quei ragazzi cera la signora  
Teresa Porrini Bombelli che se la ricordava ancora. 
 
La pigrizia and al mercato ed un cavolo compr, 
mezzogiorno era suonato quando a casa ritorn. 
Entr in casa, accese il fuoco, si sedette e ripos, 
ed intanto a poco a poco anche il sole tramont. 
E cos la povera Lena and a letto senza cena.  
 
Morale: Essendo pigri il tempo passa e non si  
conclude niente. 
 
La piva 
 
Piva, piva, l'olio d'oliva; il Bambino che porta i  
regali, la mamma che spende i soldi! 
 
Piva, piva, l'li d'ulva; l' 'l Bamb cal  
prta i bel, l' la mama ca spnd i dan. 
 
Domani festa 
 
Domani festa, tutti i signori cambiano d'abito  
e io che sono un poveretto non cambio nemmeno la camicia. 
 
Dum l' fsta, ttt i sciri cambin la vsta,  
e mi che som un por fi, cambi nnca 'l cami. 
 
La fame 
 
Io ho fame, mangia lo sgabello, lo sgabello duro,  
mangia il muro, il muro insipido, mangia il topo. 
 
Mi gh fm, mangia 'l scgn, ul scgn l' dr, 
mangia 'l mr, ul mr l' ft, mangia 'l rat. 
 
L'an dal Pava al va cum 'n dirt, al ga mt un'ra e mza dal runcht al lazart. 
L'asino del Pavia (soprannome) va come un diretto, ci mette un'ora e mezza dal Ronchetto (Casorate) al Lazzaretto (Somma L.). 
 
Usanze nella settimana Santa della Pasqua (ricordi della maestra Antonia M.) 
Per gli uomini: 
Le uova delle galline fatte al vened Santo "portavano bene" a gli uomini che affrontavano i lavori pericolosi (erano protetti).  
Per le donne: 
Durante la settimana Santa non si dovevano stendere le lenzuola ad asciugare perch moriva il capo famiglia. 
 
Quando si tagliava l'erba di maggio (magngh), apparivano i primi grilli, alla visione delle persone si rintanavano nei loro buchi nel terreno, per stanarli i ragazzi prendevano una pagliuzza lunga e la infilavano nel buco cantando questa tiritera: 
 
Grl grl vgn f dal bc, 
che ul t pa la perd un'c, 
la t mma le andia in pres, 
par na grna da furment. 
 
Quando i ragazzi scherzavano le ragazze: Tusn bagin cun la cua di ran. 
Rispondevano le ragazze: Fi fas' cun la cua dal b. 
 
La leca 'l c, la leca 'l c, la leca 'l c-giarino. 
Lei lecca il cu, lei lecca il cu, lei lecca il cucchiaino. 
 
O tun lasm pis, o tun lasm pis, o tun lasm pis la sigarta. 
O ragazze lasciatemi accendere, o ragazze lasciatemi accendere, o ragazze lasciatemi accendere la sigaretta. 
 
O tun lasm munt, o tun lasm munt, o tun lasm munt la biciclta. 
O ragazze lasciatemi montare, o ragazze lasciatemi montare, o ragazze lasciatemi montre in bicicletta. 
 
torna inizio pagina