Home page 
men  
 
 
Proverbi"di nstar vcc "  
I pruvrbi di vcc in b da fa cavcc. 
I proverbi dei vecchi sono buoni per fare cavicchi. 
Lo dicono i giovani che non ascoltano i consigli dei vecchi, magari sbagliando. 
Il proverbio (dal latino proverbium) una massima che contiene norme, giudizi, dettami o consigli espressi in maniera sintetica e, molto spesso, in metafora, e che sono stati desunti dall'esperienza comune. Essi generalmente riportano una verit (o quello che la gente ritiene sia vero): si dice infatti che i proverbi sono frutto della saggezza popolare o della cosiddetta "filosofia popolare", ma v' chi sostiene che altro non siano che la versione codificata di luoghi comuni. Possono contenere similitudini. Metafore o similitudini sono tratte da usi, costumi, leggende del popolo nella cui lingua nato il proverbio ma molti proverbi sono comuni a pi lingue diverse. In qualunque caso, rappresentano pur sempre un patrimonio culturale da difendere e da preservare, visto che ci lasciano una traccia di epoche passate, e ci indicano quale cammino hanno percorso i nostri antenati. 
Lo studio dei proverbi si chiama paremiologia. (Da Wikipedia, l'enciclopedia) 
 
1- La lgura senza crr la sa cipa a ttt 'i r.  
La lepre senza correre si prende a tutte le ore.  
Per avere una cosa non bisogna rincorrerla,  
quando meno te laspetti ti capita fra le mani. 
 
2 - Cun la m strncia, ne gan va ne gn vgn dnta.  
Con la mano stretta non ne va ma non ne viene. 
Non puoi solo ricevere e mai dare, bisogna dare per avere. 
 
3 - Tmp e c fa ma l vr l. 
Il tempo e il culo fanno quello che vogliono. 
Il temporale e la diarrea non si possono fermare,  
quando arrivano arrivano. 
 
4 - San Giun da la barba bianca, fam tru chll ca ma manca. 
San Giovanni dalla barba bianca, fammi trovare  
quello che mi manca. 
Quando da ragazzini cadeva per terra qualcosa e non si  
trovava, si cercava tutti assieme ripetendo il detto. 
 
5 - A Santa Agne curr la lusrta par la sce . 
A Santa Agnese corre la lucertola sulla siepe. 
A Santa Agnese ( 21 gennaio ) le giornate sono pi calde  
e quindi potrebbero vedersi anche lucertole sulla siepe. 
 
6 - A San Bia benedss gra e na . 
A San Biagio benedici gola e naso. 
A San Biagio ( 3 febbraio ) per tradizione si va in chiesa  
a farsi benedire la gola e naso, e anche il pane (viene benedetto). 
 
7 - Qundu 'l su 'l sa volta indr, 
al fa blal di adr. 
Quando al tramonto il sole filtra con i suoi raggi dietro le montagne 
far bello il giorno dopo . 
Al tramonto quando il sole basso e lascia filtrare i suoi  
raggi fra le montagne, il giorno dopo avremo una bella giornata. 
 
8 - P e nu, mangi da spu. 
Pane e noci, mangiare degli sposi. 
Il pane e le noci si mangiavano solo ad un pranzo nuziale. 
 
9 - Beva chla la spua che 'l prim fi l na tua. 
Beata quella sposa che ha una bambina come primo figlio. 
Fortunata quella donna il cui primo figlio femmina, perch  
lavrebbe aiutata nelle faccende domestiche o ad accudire altri figli. 
 
10 - Santa Lza l 'l d ps crt ca ga sia. 
Santa Lucia il giorno pi corto che ci sia. 
Secondo il calendario Giuliano, il giorno pi  
corto dellanno il 13 dicembre. 
 
11 - Chi ga 'l p ga mnga i denc 
chi ga i denc ga mnga 'l p. 
Chi ha il pane non ha i denti 
chi ha i denti non ha il pane. 
A volte chi ha i soldi non ha la salute per poterli  
spendere e viceversa chi ha la salute non ha i soldi. 
 
12 - La trpa cunfidnza la fa prd la riverenza. 
La troppa confidenza fa perdere il rispetto. 
Dando troppa confidenza a volte si perde il  
rispetto e si finisce con bisticciare. 
 
13 - Agst fas mnga ciap in dal bsch. 
Agosto non farti prendere nel bosco. 
In agosto non farti sorprendere nel bosco magari senza  
ombrello, perch pu piovere improvvisamente. 
 
14 - Amr da fradi amr da curti. 
Amore di fratelli amore di coltelli. 
Lamore dei fratelli va a finire spesso con litigi, quando  
subentrano gli interessi tipo eredit o divisioni delle propriet. 
 
15 - V per fa ma a nis. 
Uno a ciascuno non fa male a nessuno. 
Quando si bisticcia per alcune cose, subentra un terzo  
che fa le divisioni appropriate. 
 
16 - Spua bagnava spua furtnava. 
Sposa bagnata sposa fortunata. 
Si dice tanto per consolarsi, quando piove ad un  
matrimonio e questo rovina un po la festa. 
 
17 - Tre dnn i fan ul merc da Sarnn. 
Tre donne fanno il mercato di Saronno. 
Quando si fermano per strada tre donne a  
chiacchierare, sembra che ci sia il mercato tanto vociare fanno. 
 
18 - Zch e mel la s stagi. 
Zucche e meloni alla loro stagione. 
Ogni cosa a suo tempo. 
 
19 - Chi ghe an da natra al cugns n la s scritra. 
Chi asino di natura non conosce la sua scrittura. 
Quellasino che si crede bravo, ma che nella realt non  
sa neanche rileggere quello che ha scritto. 
 
20 - Chi trpp a stdia mtt al diventa,  
chi stdia n 'l prta la brnta. 
Chi troppo studia matto diventa, chi non studia porta il mastello. 
Morale: sempre meglio studiare che fare un lavoro massacrante. 
 
21 - Chi ga la ra in tsta l catv me la tempesta. 
Chi ha la rosa in testa cattivo come la tempesta. 
Si dice che: cattivo come la tempesta chi ha dietro la testa un ciuffo di capelli che sta sempre diritto 
 
22 - L mei un ratt in bca al gatt, che 'n da in m a 'n auct. 
meglio un topo in bocca al gatto, che un povero uomo nelle mani di un avvocato. 
Se per qualunque causa hai bisogno di un avvocato,  
farai la fine del topo in bocca al gatto. 
 
23 - La gata in cardenza, chel ca la fa la pensa. 
La gatta nella credenza, quello che fa pensa. 
Una persona che fa male pensa anche male. 
 
24 - Da lunt, anca na cgna la par un c. 
Da lontano anche una cagna assomiglia ad un cane. 
Da lontano anche una donna brutta pu sembrare bella. 
 
25 - Un quatr risparmi l d vlt guadagn. 
Un quattrino risparmiato due volte guadagnato. 
Un soldo risparmiato due volte guadagnato. 
 
26 - Qu la sperbia la mnta in scgn, o la spza o la fa dagn. 
Quando la superbia siede sul trono o puzza o fa danni. 
Quando un ignorante e superbo diventa ricco, ( come  
la merda) deve farsi notare da tutti perch ha i soldi,  
(qui comincia a puzzare), ma prima o poi far dei danni.  
 
27 - Chi imprsta, prd la vsta. 
Chi presta perde anche labito. 
Chi fa prestiti, a volte perde anche il vestito. 
 
28 - Lamr nv al va e 'l vegn, lamr vecc al sa mantgn. 
Lamore nuovo va e viene, lamore vecchio si mantiene. 
Lamore nuovo incerto, quello vecchio duraturo. 
 
29 - San Giun fa mia ingnn. 
San Giovanni non fa inganni. 
Si dice ai bambini quando vogliono tutti la stessa cosa, 
e allora si divide in parti uguali. 
 
30 - La cativa lavandra la trva mai na bna prea. 
La cattiva lavandaia non trova mai una buona pietra. 
La lavandaia fannullona non trova mai la pietra dove  
lavare i panni perch non ha voglia di lavorare. 
 
31 - L scri 'n sla prta dal Dm, che la dna brta  
la spua 'n bll m. 
scritto sulla porta del Duomo ( di Milano ) che la  
donna brutta sposa un bell uomo. 
Di solito va sempre a finire che la donna brutta sposa  
un bell uomo ( poi magari luomo si pente. ). 
 
32 - A vs trpp b sa pasa par cuj. 
Ad essere troppo buoni si considerati coglioni. 
Se sei troppo buono, tutti si approfittano e ti mandano in rovina. 
 
33 - Dan e pec in catv da stim. 
Soldi e peccati sono cattivi da stimare. 
Soldi e peccati sono difficili da valutare. 
 
34 - L mei sta indr 'n buc, che na cativa digesti. 
meglio stare indietro un boccone che una cattiva digestione. 
meglio rinunciare a qualche boccone di cibo,  
piuttosto che sopportare poi una cattiva digestione. 
 
35 - Lv cr 'l ga cent virt, lv ctt ga n nnca vtt. 
Luovo crudo ha cento virt, luovo cotto non ne ha neanche otto. 
Se bevi luovo crudo, n'assorbi le sue propriet naturali, 
se lo fai bollire ne perdi una buona parte.  
 
36 Ogni ll al tra che 'l so nid bll. 
Ogni uccello trova che il suo nido bello. 
Ognuno trova bella la propria casa. 
 
37 - Facia smrta dna frta. 
Faccia smorta donna forte. 
Viso smunto segno di donna di polso. 
 
38 - A cumpr simpara a spnd, ma anca a vnd. 
A comperare si impara a spendere ma anche a vendere. 
Quando comperi spendi ma poi impari a vendere. 
 
39 - Lll in gabia al canta n par amr, ma par la rbia. 
Luccello in gabbia non canta per amore, ma per rabbia. 
Quando a una persona vanno male gli affari succede  
che a volte canti per sfogare la propria rabbia. 
 
40 - Qun scapa 'l purscl, sa sra 'l stabil. 
Quando scappa il maiale, si ricordano di chiudere il porcile. 
Quando a volte si combina un guaio ci si ricorda  
quando tardi che si poteva evitare. 
 
41 - A var ps la pratica che la gramatica. 
Vale di pi la pratica che la grammatica. 
Ci sono dei lavori che si possono fare solo con la  
pratica, non c studio che li pu risolvere. 
 
42 - Chi va pi va s e va lunt. 
Chi va piano va sano e va lontano. 
A volte inutile correre per arrivare prima, si rischia di  
cadere e farsi male favorendo chi va pi piano. 
 
43 - Chi sa lda sa sbrda. 
Chi si loda si sbrodola. 
Quando uno si vanta, dicendo di essere il migliore,  
appena commette uno sbaglio, se li trova tutti contro. 
 
44 - Ul mar al ga i dnc dal c, sal cgna n in ch al cgna dum. 
Il marito ha i denti del cane, se non morde oggi morde domani. 
Non fare arrabbiare il marito, altrimenti alla fine ti castigher. 
 
45 - Ul temp perd al sa recpera p. 
Il tempo perso non si recupera pi. 
Non perdere tempo sul lavoro, non potrai pi recuperarlo. 
 
46 - I dan fan dan. 
I soldi fanno soldi. 
Chi ha gi tanti soldi ne guadagna sempre altri. 
 
47 - Diu vd e Diu pruvd. 
Dio vede e Dio provvede. 
Dio da lass pu fare tutto. 
 
48 - La bna educazi la fa lm b. 
La buon'educazione fa luomo buono. 
Un uomo educato sempre buono e intelligente. 
 
49 - Quel ghe fai l fai. 
Quel che fatto fatto. 
Quel che stato stato. 
 
50 - Un m tra d do dam, al fa la figra dal salam. 
Un uomo tra due donne fa la figura del salame. 
Quando un uomo va in giro con due donne non combiner mai niente,  
far solo la figura del salame. 
 
51 - Mei vs salm che senza dm. 
Meglio essere salame che senza le dame. 
C chi pur non combinando niente preferisce farsi  
vedere in compagnia delle donne (facendo il salame). 
 
52 - Chi ga tmp al ga no da spet tmp. 
Chi ha tempo non aspetti tempo. 
E meglio fare le cose fintanto che si ha tempo,  
se si aspetta potrebbe essere troppo tardi. 
 
53 - Fa prst e sbagli, l ttt temp tra. 
Fare presto e sbagliare tutto tempo sprecato. 
Se fai troppo in fretta un lavoro e poi lo sbagli,  
devi rifare tutto da capo, meglio andare adagio  
cosi fai il lavoro una sola volta. 
 
54 - Un mist b cuminci, l gi mzz fa. 
Un mestiere ben cominciato, gi mezzo fatto. 
Un lavoro ben avviato gi met fatto,  
laltra met arriva senza neanche fare fatica. 
 
55 - Dal di al fa, ghe na mutagna da pas. 
Dal dire al fare c una montagna da passare. 
Tra il dire e il fare ci sono ostacoli da superare. 
 
56 - Chi ga susptt g diftt. 
Chi ha sospetto ha difetto. 
Chi sospetta degli altri, sarebbe pronto a fare la stessa cosa o una peggiore. 
 
57 - Ul Signr al lasa fa, ma non straf. 
Il Signore lascia fare ma non rifare. 
Dio provvede ma non concede. 
 
58 - Dnn e mutr, gii e dulr. 
Donne e motori, gioie e dolori. 
Le donne sono come i motori,  
a volte ti danno gioia e a volte dolori. 
 
59 - Ram, curm e dnn ; ps sa btan e ps in bnn. 
Rame, cuoio e donne: pi le batti e pi sono buone. 
Certe donne vanno proprio battute come il rame e il cuoio,  
cos diventano migliori. 
 
60 - Chi caps, cumpats. 
Chi capisce compatisce. 
Chi capisce una certa situazione particolare tollera. 
 
61 - La prima sa perdna, la segunda sa cundna la terza sa bastna. 
La prima si perdona, la seconda s condona, la terza si bastona. 
Il primo sbaglio si pu perdonare, il secondo condonare, 
il terzo no, si castiga o si fa pagare. 
 
62 - Lm vi l mzz salv. 
Luomo avvisato mezzo salvato. 
Se ti avvisano in tempo che stai facendo uno sbaglio,  
hai sempre la possibilit di salvarti evitando lerrore. 
 
63 - Lzi, l 'l p di vizi. 
Lozio il padre dei vizi. 
Il far niente a volte ci porta a commettere delle sciocchezze  
cui lavorando non si ha neanche il tempo di pensare. 
 
64 - Ul mnd al gira par ul c e par la lira. 
(oggi) - Ul mnd a st in p par ul c e pai dan 
Il mondo gira per il culo e per i soldi. 
(oggi) Il mondo sta in piedi per il culo e per i soldi 
Nella vita di moltissime persone, esistono solo il sesso e i soldi. 
(oggi) Troppa gente si vende per i soldi pur di "apparire"  
 
 
65 - Qund la barba la tira al bianch,  
lza la pata e tacs al v. 
Quando la barba s'imbianca, allaccia la patta  
(apertura davanti dei pantaloni) e datti al vino. 
Quando la barba diventa grigia lascia stare le donne  
(potresti fare delle brutte figure) e datti al vino. 
 
66 - Da null ttt ghe bll. 
Da nuovo tutto bello. 
Quando hai una cosa nuova ( come la moglie )  
ti sembra bello, ma poi ( quando invecchia )  
ti abitui e tutto normale. 
 
67 - Cun un b mist sa guadagna tan dan. 
Con un buon mestiere si guadagnano tanti soldi. 
Se scegli un lavoro redditizio ti far guadagnare tanti soldi. 
 
68 - L mej un nem inteligent, che un am ignurnt. 
E meglio un nemico intelligente, che un amico ignorante. 
E preferibile aver a che fare con un nemico intelligente,  
piuttosto che con un amico ignorante. 
 
69 - A tula e in lecc sa diventa mai vecc. 
A tavola e a letto non si diventa mai vecchi. 
La buona tavola e il giusto dormire conservano la salute. 
 
70 - A fa ma te vrt, te scmpat fin qun te mrt. 
A fare come vuoi, campi fino a quando non muori. 
Quando uno risponde mi ha fo 'cum vri  
( come voglio ) gli si risponde come sopra. 
 
71 - Avegh ra le mia se, bisogna fala var. 
Avere ragione non basta, bisogna farla valere. 
A volte difficile pur avendo ragione dimostrarla agli altri. 
 
72 - Prima da fa rdin, bisogna fa disrdin. 
Prima di fare ordine bisogna far disordine. 
Per mettere in ordine un posto devi spostare tutto prima,  
facendo un disordine, poi farai ordine. 
 
73 - Dan e amicizia ai fermn la giustizia. 
I soldi e lamicizia fermano la giustizia. 
Con i soldi e lamicizia si pu comperare tutto, anche la giustizia. 
 
74 - Un pu per fa ma a nis. 
Un p a ciascuno non fa male a nessuno. 
Quando si in tanti a volere una cosa, bisogna fare  
un poco per ciascuno per non fare ingiustizie. 
 
75 - L difcil tru 'n dutr, cal guars ul ma damr. 
E difficile trovare un dottore che guarisca il mal damore. 
Quando una persona si innamora perdutamente come  
aver una malattia che nessun medico pu guarire. 
 
76 - L' mia se pud, bisogn vur. 
Non basta potere, bisogna volere. 
Per fare una cosa a volte non basta avere i soldi,  
bisogna avere una gran voglia e volont di fare. 
 
77 - Sa te vrt fas am, lsas desider. 
Se ti vuoi far amare, lasciati desiderare. 
Se vuoi trovare chi ti ama non devi inseguirla,  
lasciati desiderare e prima o poi arriver. 
 
78 - La baltrca e i ladr in tcc gent da deviazi, 
quan nis 'ja vran p, sa racumandan al b Ge. 
La prostituta e i ladri sono gente di deviazione, 
quando nessuno non li vuole pi si raccomandano al buon Ges. 
Le battone e i ladri sono gente deviata dalla societ civile,  
quando invecchiano e non possono pi fare il loro lavoro  
cominciano ad andare in chiesa raccomandandosi a Dio  
perch abbia piet della loro anima. 
 
79 - Via 'l gatt a bala i ratt. 
Via il gatto i topi ballano. 
Quando ad esempio i genitori non sono a casa,  
i ragazzi approfittano per fare quello che vogliono. 
 
80 - A var ps v a piz, che cent a smurz. 
Vale di pi uno ad accendere che cento a spegnere. 
Vale di pi uno che inventa o inizia qualcosa che tutti  
quelli che lo seguono dopo. 
 
81 - Chi va pi va lunt, chi va frt va la mrt. 
Chi va piano va lontano, chi va forte va alla morte. 
Se vai piano puoi arrivare alla meta, ma se corri puoi cadere prima. 
 
82 - Ul mnd l un s e gi, limpurtnt l mia burlagi. 
Il mondo un su e gi, limportante non cadere. 
Al mondo c chi va su e chi va gi, un alternarsi di fortune, 
limportante non cadere. 
 
83 - Se linvidia la fss un mal, ttt ul mnd l' n'uspedl. 
Se linvidia fosse un male, tutto il mondo sarebbe unospedale. 
E proprio vero che linvidia universale ed presente nella maggior  
parte degli uomini. 
 
84 - Ad gni vid ul so paltt, ad gni dna ul so umtt. 
Ad ogni vite delluva il suo paletto, ad ogni donna il suo ometto. 
Alla vite il suo paletto ( sostegno ) ad ogni donna il suo ometto ( marito ). 
 
85 - Bisgna mia and, inda sa p mia pas. 
Non bisogna andare dove non si pu passare. 
Non tentare di entrare dove proibito, potresti passare dei guai. 
 
86 - Chi cra la s pll, a tegn da cunt un gran castll. 
Chi cura la sua pelle come se curasse un grande castello. 
Chi cura la propria salute conserva un grande patrimonio. 
 
87 - La rba rubva la ga pca drva. 
La roba rubata ha poca durata. 
La roba rubata dura poco o poco giova. 
 
88 - Cun nient sa fa nient. 
Con niente non si fa niente. 
Se non hai niente, neanche i soldi per mangiare,  
non potrai mai fare affari, avrai sempre niente. 
 
89 - Chi ghe b n da fa, le b n da cumand. 
Chi non capace di fare, non capace di comandare. 
Uno non pu dirti di fare una cosa che lui stesso non sa fare,  
potresti chiedegli come si fa. 
 
90 - La dna bla le invidiva, la dna brta le scansva. 
La donna bella invidiata, la donna brutta scansata. 
Purtroppo la realt: la donna bella piace a tutti,  
quella brutta la gente cerca di evitarla. 
 
91 - Ogni fi al prta ul so cavagn. 
Ogni bambino porta il suo fardello. 
Nel senso che ogni bambino che nasce ha il suo destino. 
 
92 - Lm unst al viv malamnt, ul diunst le mai cuntnt. 
Luomo onesto vive male, il disonesto non mai contento. 
Luomo onesto vive con sacrifici, il disonesto pi ne ha pi ne vorrebbe avere. 
 
93 Vestss b una fasna, ca la par una regina.  
Vesti bene una fascina ,che ti sembra una regina. 
Non labito che fa il monaco. 
 
94 - Ba da bca ul cr non tca. 
Bacino di bocca il cuore non tocca. 
Stiamo attenti alle esteriorit. 
 
95 - A laur cun alegria, l 'l pus bll mist ca ga sia. 
Lavorare con allegria il pi bel mestiere che ci sia. 
Quando si lavora in buon accordo con tutti  
il tempo passa in fretta e il lavoro pi leggero. 
 
96 - L cambi ul mastar da capla, ma la msica l smpar qula. 
cambiato il maestro di direzione, ma la musica sempre quella. 
Inconvenienti o abusi possono durare sebbene sia cambiata la persona che dirige. 
 
97 - O te mngiat sta minestra o te sltat la finestra. 
O mangi questa minestra o salti la finestra. 
Si dice ai figli quando non vogliono mangiare la minestra,  
o questa o salti il pasto. 
 
98 - Chi non preved non pruved. 
Chi non prevede non provvede. 
Chi non prevede in tempo un affare,  
non provvede all acquisto e cos perde laffare. 
 
99 - Mai las ul crt par lincrt. 
Mai lasciare il certo per lincerto. 
Se lasci il certo per lincerto potresti sbagliare irrimediabilmente. 
 
100 - Inch a mi dum a ti. 
Oggi a me domani a te. 
Se oggi va male a me non goderne, domani potrebbe succedere a te. 
 
ritorna inizio pagina 
 
101 - Quel che vua frt, al ga smpar trt. 
Quello che grida forte, ha sempre torto. 
Quando uno sa di aver torto e viene rimproverato,  
quasi sempre comincia a gridare per dimostrare che ha ragione. 
 
102 - Chi vr ul p, a slngha 'i m. 
Chi vuole il pane allunghi le mani. 
Se hai bisogno di qualcosa cerca di essere umile  
e chiedi agli amici , qualcuno ti aiuter. 
 
103 - Gpa e na, in rp ca pia. 
Mento e naso sono cose che piacciono. 
Il mento e il naso sono particolari che ad alcune persone piacciono moltissimo. 
 
104 - Gigh da m gigh da vil. 
Gioco di mano gioco da villano. 
Gli scherzi fatti con le mani sono antipatici, quindi sono da maleducati. 
 
105 - In ttt i ca, ghe 'l s da fa. 
In tutte le case c il suo da fare. 
In ogni casa ci sono dei problemi. 
 
106 - Fa e disf l ttt laur. 
Fare e disfare tutto lavorare. 
Si dice quando uno sbaglia un lavoro e lo deve rifare. 
 
107 - Quan la dna l bna p, la sa racumnda al b Ge. 
Quando la donna non pi buona, si raccomanda al buon Ges. 
Quando la donna invecchia e nessun uomo la desidera pi  
(compreso il marito), comincia ad andare in chiesa e si dice che si attacca al buon Ges. 
 
108 - Quel ca sa fa n pag, in malra prest al v. 
Quello che non si fa pagare, in malora presto andr. 
Chi non si fa pagare presto va in malora, fallisce. 
 
109 - Unm senza dan, l na pianta senza p. 
Un uomo senza soldi, una pianta senza piedi. 
Senza soldi non si pu vivere, come un albero senza radici. 
 
110 - Guard e nn tuc, l na rba da impar. 
Guardare e non toccare una cosa da imparare. 
Quando vai in qualche casa devi guardare e non toccare,  
potresti combinare qualche guaio. 
 
111 - Testardni e risitt, ingrsan la bursa di auctt. 
Testardi e litigiosi ingrassano la borsa degli avvocati. 
I testardi e i litigiosi vanno a finire prima o poi in tribunale,  
facendo la gioia e il guadagno degli avvocati. 
 
112 - Prima ta i t, p 'i ltar sa sa p. 
Prima aiuta i tuoi poi gli altri se si pu. 
Prima devi aiutare i tuoi cari, poi se puoi anche gli altri. 
 
113 - A vs trpp b, sa pasa da cuj. 
Ad essere troppo buoni si passa da coglioni. 
A volte capita di essere derisi per la troppa bont  
degli stessi ingrati che hai generosamente aiutato. 
 
114 - Lami vcc, l un gran bll spcc. 
Lamico vecchio un gran bel specchio. 
Un amico vero di vecchia data come uno specchio nel quale ti puoi rivedere. 
 
115 - Chi vr lus al dev pat. 
Chi vuol luccicare deve patire. 
Chi vuol far vedere che ricco (lus), prima deve faticare (pat)  
per arrivare ad avere i soldi. 
 
116 - Ul bll tmp e la bla gent, i fann ul cr cuntnt. 
Il bel tempo e la bella gente, fanno il cuore contento. 
Una bella giornata di sole caldo, circondata da gente allegra che si diverte,  
ti fanno veramente felice. 
 
117 - La rba rara, l smpar ps cara. 
La roba rara, sempre la pi cara. 
Se cerchi la roba rara, quando riesci a trovarla  
ti accorgi che il prezzo proibitivo. 
 
118 - Sa ghe un pr disgrazi, da tcc l luntan. 
Se c un povero disgraziato da tutti allontanato. 
Quando uno povero e ha bisogno, tutti lo evitano perch pensano  
che non potr mai essere loro utile. 
 
119 - L mej sud, che trem. 
meglio sudare che tremare. 
Devi coprirti bene per evitare i malanni. 
 
120 - Ul tmp e la ra in smpar dal padr. 
Il tempo e la ragione sono sempre del padrone. 
Non reclamare i tuoi diritti, tanto il tempo e la ragione sono sempre di chi ti comanda. 
 
121 - Laria fresca da matna, l na bna medesna. 
Laria fresca del mattino una buona medicina. 
Alzarsi presto al mattino e respirare laria pura non ancora troppo contaminata fa bene, ed salutare. 
 
122 - Ttt a va e vegn, e nagt a sa mantgn. 
Tutto va e viene e nulla si mantiene. 
Oggi sei ricco ma domani potresti essere povero, nulla si mantiene in eterno. 
 
123 - Var ps na bna lapa che na bna sapa. 
Vale di pi una buona lingua che una buona zappa. 
A volte lavora di pi uno con la lingua che uno con la zappa, perch sa raccontare con arte. 
 
124 - Amr e geluia, sa fan smpar cumpagna. 
Amore e gelosia, si fanno sempre compagnia. 
Due innamorati sono tutt' uno, amore e gelosia. 
 
125 - La giurnava dal vcc, inch l s, dum l in lcc. 
La giornata del vecchio, oggi alzato domani a letto. 
Si sa che a diventare vecchi c poco da guadagnare, oggi stai bene e magari domani sei a letto. 
 
126 - Qu la legura l in pe, ttt i c ga dan a dre. 
Quando la lepre in piedi, tutti i cani la incalzano. 
Fino a quando uno scappa o ha paura tutti fanno i bulli, ma se gira e mostra i denti forse le cose cambiano.  
 
127 - Chi barta simbrata. 
Chi baratta si imbratta. 
Chi baratta in affari pu succedere che rimanga scornato. 
 
128 - Qundu ul crp al sa frsta, lanima la sa gista. 
Quando il corpo si frusta, lanima si aggiusta. 
Quando il corpo invecchia ci si ravvede, lanima si aggiusta. 
 
129 - Chi bla senza s, o l mtt o l cuj. 
Chi balla senza la musica, o matto o coglione. 
Una persona che balla senza musica non pu essere normale. 
 
130 - Chi mal intnd, pgg rispnd. 
Chi male capisce, peggio risponde. 
A volte si fraintende il discorso di un altro e si risponde nel modo sbagliato. 
 
131 Se ogni grana landess in grane, ogni cuj le b da fa 'l mase. 
Se ogni grana andasse nel granaio, ogni coglione capace di fare il contadino. 
Se fosse facile riempire il granaio e senza fare fatica,saremmo tutti contadini. 
 
132 - Ul mnd, l bll parch l rutnd. 
Il mondo bello perch rotondo. 
Si dice quando uno fa una stramberia. 
 
133 - Vis al campan, te trat ul p e anca 'l v. 
Vicino al campanile trovi il pane e anche il vino. 
I bacchettoni o baciapile raramente riescono a soddisfare i loro interessi personali,  
ma trovano sempre aiuto nellambiente ecclesiastico. 
 
134 - I mircul, 'ja fnn i Sant, e i tun qund in grnd. 
I miracoli, li fanno i Santi, e le ragazze adulte. 
la classica risposta che si d ad una persona che ti chiede di fare una cosa quasi impossibile. 
 
135 - La mrt l sl tcc, la guarda ne giin ne vcc. 
La morte sul tetto, non guarda n il giovane n il vecchio. 
Non bisogna mai credere che perch si giovani si abbia ancora tanta vita davanti,  
la morte sempre in agguato. 
 
136 - I disgrzi in cum i scire, adre a vna gan vegn dr de. 
Le disgrazie sono come le ciliegie, dietro una ne vengono dieci. 
Le disgrazie non vengono mai sole. 
 
137 - Chi invegss, immatss. 
Chi invecchia, ammattisce. 
Invecchiando si ritorna un poco bambini e si fanno cose che da giovane  
non avresti mai avuto il coraggio di fare. 
 
138 - nca da lunt, na cagna la par un c. 
Anche da lontano, una cagna sembra un cane. 
Non insistere mai su qualcosa che ti sembra, ti potresti sbagliare. 
 
139 - Chi giga al ltt, al sa vanza a c bitt. 
Chi gioca al lotto, rimane a culo nudo. 
Chi sperpera i soldi nel gioco tentando la fortuna,  
alla fine finir sul lastrico senza neanche i soldi per mangiare.  
 
140 - Cent c cent crpp, cent c dnt cipp. 
Cento teste cento zucche, cento culi duecento chiappe. 
Ognuno crede che quello che pensa nella sua testa sia sempre il meglio di tutti gli altri. 
 
141 - Chi ga verggna n, ttt ul mnd l s. 
Chi non ha vergogna, tutto il mondo suo. 
Chi non ha vergogna di niente e di nessuno, riesce sempre a conquistare tutto e tutti.  
Si dice anche al ga la fcia m 'l c (ha la faccia come il culo). 
 
142 - Qundu 'l su 'l sa vlta indr, a ghm lacqua al di adr. 
Quando il sole guarda indietro, abbiamo lacqua il giorno dopo. 
Quando stato nuvoloso tutto il giorno e alla sera c un raggio di sole, la mattina dopo piove. 
 
143 - Ttt i mr in fai da sss e in ogni ca ghe 'l so fracss. 
Tutti i muri sono fatti di sasso e in ogni casa c il suo fracasso. 
In ogni casa e in ogni famiglia c sempre qualche problema.  
 
144 - Quan lamr al ghe, la gamba la tira 'l pe. 
Quando lamore c, la gamba tira il piede. 
Quando c lamore tutto diventa facile.  
 
145 - tum c, sen mrum ttt d. 
Aiutami culo altrimenti moriamo tutti e due. 
Se hai voglia di evacuare e non riesci, provi a chiedere aiuto anche al diretto interessato... 
 
146 - Ttt i c i mnan la cua, ttt i cuj i dian la sua. 
Tutti i cani dimenano la coda, tutti i coglioni dicono la sua. 
Alcune persone prima di parlare tanto per dire la sua, farebbero meglio a tacere per non fare del male ad altri. 
 
147 - Vur e non vss, in nan rp da mett 'a prss. 
Volere e non esserlo non sono cose da mettere vicino. 
Uno che vuole diventare qualcuno a tutti i costi, ma nella realt non nessuno. Sono cose opposte. 
 
148 - Beata chla c, che di vcc la p cnt. 
Beata quella casa che sui vecchi pu contare. 
Fortunata quella famiglia che pu contare sullaiuto degli anziani. 
 
149 - Qund ul frecc al cumncia a spng, va in di bosch a cat i fng. 
Quando il freddo inizia a pungere, vai nei boschi a raccogliere i funghi. 
Quando, specialmente di mattino, il freddo inizia a farsi sentire,  
nei boschi si possono gi raccogliere i funghi. 
 
150 - Chi lsa la strva vgia par la na, 
al sa quel cal lasa ma non quel cal tra. 
Chi lascia la strada vecchia per la nuova, 
sa quello che lascia ma non quello che trova. 
Se lasci il certo (che il vecchio) per lincerto (che il nuovo) devi essere pi che sicuro di quello che fai,  
potresti pentirtene e non poter ritornare pi indietro. 
 
ritorna inizio pagina 
 
151 - Chi manzna bucna. 
Chi menziona incontra. 
detto quando si parla di una persona (magari male) e in quel momento te la trovi davanti. 
 
152 - Nbia basa bl temp la lasa. 
Nebbia bassa bel tempo lascia. 
Quando la nebbia bassa, il sole riscaldando il terreno lo fa evaporare, e forma cos una nebbiolina.  
 
153 - Fin ca la va la va, quan ghe ne p, 
crepa lin e quel ghe s. 
Fin che va, va, quando non ce n pi, 
muore lasino e chi c sopra. 
Fino che va bene uno non si preoccupa, quando va male subir le debite conseguenze. 
 
154 - Lst cal loda 'l s v, 
o parch le acqua o psa dan. 
Loste che loda il suo vino, 
o perch acqua o piscia dasino. 
Quando chiedi alloste se il vino buono, ti dir sempre che il migliore di tutte le altre osterie. 
 
155 - A fria da crr e crr, 
te vnzat la pll strasciva e lanima danva.  
A furia di correre e correre, 
avanzi la pelle stracciata e lanima dannata. 
Nella vita non bisogna correre credendo di arrivare sempre primi,  
alla fine ti puoi ritrovare con un esaurimento ( o altro) e lanima in pena ( il rimorso)  
per aver fregato qualcuno magari per far soldi. 
 
156 Fin che dra p e v, te p fregsan dal dest. 
Fin che dura pane e vino, puoi fregartene del destino. 
Fino a quando non manca da mangiare e bere ci si pu disinteressare del destino.  
 
157 La pulnta la cuntnta. 
La polenta accontenta. 
La polenta riesce ad accontentare tutti, otre ad essere buona,  
fa sempre piacere vederla tutta fumante sulla tavola, specialmente in montagna quando si in buona compagnia. 
 
158 - Tsc a va al c, slv ul mnich dal caz. 
Tutto va al culo, salvo il manico del mestolo. 
Un modo per dire che quando si sta bene si digerisce tutto, allinfuori delle cose impossibili, (come per esempio il manico del mestolo). 
 
159 Ai vcc ga rincrss a mur, parch 'n impran vna ttt i d. 
Ai vecchi rincresce morire, perch ne imparano una tutti i giorni. 
Quando si vecchi dispiace a tutti morire, anche perch ogni giorno c sempre qualcosa da vedere e imparare. 
 
160 Chi da giin al fa nint, p da vcc l' malcuntnt. 
Chi da giovane non fa niente, poi da vecchio malcontento. 
Se da giovane non ti diverti (fino quando puoi), quando sei vecchio ti troverai malcontento. 
 
161 Chi ga 'l p da fa mangi, ga cavj da fa trut. 
Chi ha il pane per far mangiare,ha cavalli per far trottare. 
Uno con i soldi (ricco) trova sempre gente che lavora per lui. 
 
163 nca i richzz, i gan i so amarzz. 
Anche le ricchezze hanno le loro amarezze. 
Anche i pi ricchi non sempre possono comperare tutto, qualche volta sono tristi anche loro. 
 
164 La cunsulazi di puartt, le qula da vultgh ul c ai travtt. 
La consolazione dei poveretti quella di girare il culo ai travetti. 
Il divertimento dei poveri quello di fare lamore (sdraiati sul letto girando il sedere ai travetti del solaio) , tanto non costa niente. 
 
165 Vntar a digi, al ga da tra a nis. 
Pancia a digiuno, non ascolta nessuno. 
Quando hai fame e la pancia brontola per saziarti non puoi ascoltare nessuno, devi per forza mangiare. 
 
166 Roba cara e don brtt, a sa tran daparttt. 
Roba cara e donne brutte, se ne trovano dappertutto. 
La roba bella la trovi ovunque, basta avere i soldi per acquistarla, le donne belle (purtroppo) sono rare. 
 
167 Se te v ftt un nem, presta i dane a un am. 
Se vuoi farti un memico, presta i soldi ad un amico. 
Se presti i soldi ad un amico, quando devi riaverli (non da tutti) finisci col bisticciare perdendo lamicizia.  
 
168 Se te v che lamicizia la sa mantgn una m la 
va laltra la vgn. 
Se vuoi che lamicizia si mantenga, una mano va e laltra viene. 
Se vuoi mantenere lamicizia, non devi sempre chiedere, ma qualche volta dare. 
 
169 Mangia bev e cga, e lsa ca la vga. 
Mangia bevi e caga, e lascia che vada. 
Fino a quando stai bene di salute, mangia e bevi e vai di corpo, e non pensare a niente (fin che la va lasciala andare).  
 
170 Fi e tusnn, ul diaul al fa ingnn. 
Ragazzi e ragazze, il diavolo fa inganni. 
Era detto ai ragazzi e ragazze se venivano sorpresi a giocare assieme, si temeva che succedesse qualcosa. 
 
171 Saldi brava gnt, vegn a ca mea sa ghi bisgn 'da gnint. 
Saluti brava gente, venite a casa mia se non avete bisogno di niente. 
la definizione di una persona avara e tirchia, alla quale se non hai bisogno di niente puoi chiedere tutto. 
 
172 C a se da st, tra a se da laur, bsch in quantit. 
Casa abbastanza da abitarvi, terra abbastanza per 
lavorarla, boschi in quantit. 
un detto dei nostri vecchi quando ancora si doveva lavorare  
traendo col sudore della fronte il cibo dalla terra. 
La casa giusta per il bisogno della famiglia, senza esubero,  
la terra quanto bastava per lavorarla altrimenti sarebbe rimasta incolta,  
i boschi, siccome non occorreva pi di tanto lavoro per fare crescere gli alberi,  
ma solo il taglio per il camino, allora chi poteva ne comprava anche in maggior quantit. 
 
173 Se te set trpp lrgh da m, te se vanzt senza p. 
Se sei troppo largo di mano, ti avanzi senza pane. 
Se nella vita sei troppo generoso, alla fine troverai qualcuno che ti frega. 
 
174 A ghe mia guadgn a divent vcc, 
a sa slunga i bll e sa scrta l pcc. 
Non c' guadagno ad invecchiare, si allungano i testicoli ("palle") e si accorcia il pene. 
E' un modo di dire di un vecchio quando sente che il suo ("potere sessuale") comincia a fare cilecca.  
 
 
175 Ne par schrz ne par dab, 
lastt mnga ciap in pre
Ne per scherzo ne per davvero, 
non lasciarti prendere in prigione. 
Non farti mai prendere alla sprovvista, 
devi sempre essere al posto giusto con la risposta pronta. 
 
176 Ai tmp antgh, ai mangivan i strnz sch par fgh. 
Nei tempi antichi, mangiavano gli stronzi secchi per fichi. 
Quando le persone erano ignoranti, gli facevano credere quello che volevano. 
 
177 - Na ca psa in boca, guai a chi la toca. 
Naso che pende sulla bocca, guai a chi lo tocca. 
Si dice che, le persone che hanno la punta del naso che ricurva verso la bocca d'indole cattiva. 
 
178 Dagh e dagh e a fria da dila, 
un queighid la fin da capla. 
Dagli e dagli. a furia di dillo, 
qualcuno ha finito per capire. 
A furia di ripetere e ripetere una cosa "giusta", 
prima o poi qualcuno si accorge che si deve fare. 
 
179 Gurdal b gurdal ttt, 
l'm senza dan cma l' brtt. 
Guardalo bene guardalo tutto, 
l'uomo senza soldi come brutto. 
I soldi fanno vedere bello anche ci che brutto. 
 
180 - Ogni uffele, fa 'l so miste. 
Ogni negoziante fa il suo mestiere. 
Sarebbe meglio che ognuno facesse il proprio lavoro. 
 
181 A l' ne 'l cld ne 'l frcc, 
l' l'in cl divnta vcc. 
Non ne il caldo ne il freddo, 
l'asino che diventa vecchio. 
Se da anziano ti vengono degli acciacchi, 
non dare la colpa al caldo o al freddo, l'et.  
 
182 Sa na mets gi asse da pud cag in p. 
Se ne mettesse gi abbastanza da poter cagare in piedi. 
Si dice quando si aspetta la neve e non nevica mai. 
 
183 Am, am, cul c div. 
Amici, amici, con il culo diviso (separato). 
Se vuoi tenerti un amico, non fare affari con lui, 
ognuno deve fare gli affari suoi. 
 
184 Ghe mnga n'man bll, senza 'l b sl barbarll. 
Non c' un uomo bello, senza il buco sul mento. 
Sar perch qualche donna lo vede come simbolo di virilit.  
 
185 La bca le mia strca se la sa n de vaca. 
La bocca non stanca se non sa di mucca. 
Un pranzo deve finire con il formaggio. 
 
186 l'acqua la fa ml, la bvan dum la gent da l'uspedl. 
L'acqua fa male, la devono solo i malati all'ospedale. 
Non bere l'acqua, roba per ammalati. 
 
187 - Ogni laur al ga la so dignit. 
Ogni lavoro ha la sua dignit. 
Non bisogna vergognarsi del proprio lavoro, anche il pi umile necessario (sono solo gli ignoranti che ti umiliano, compatiamoli). 
 
188 - P v e gnca, e se 'l vr fiuc, che 'l fica. 
Pane vino e donna, e se vuol nevicare che nevichi. 
Quando hai da mangiare, vino da bere e una donna a disposizione, anche se dovesse nevicare tanto a me non interessa. 
 
189 - Guarda e ta e viv in pa. 
Guarda e taci e vivi in pace. 
Se vedi qualcosa che a te non piace non devi sparlarne alle spalle, ma vivi e lascia vivere.  
 
190 Na lavda e na sgda la pr nnca duperda. 
Una lavata e un'asciugata non sembrano neanche adoperati. 
Disinvolta espressione di superficialit. 
 
191 Par paci al pacita, par bev al bevta, l' a laur che 'l barbta. 
Per mangiare mangia, per bere beve, a lavorare che brontola. 
Una persona che vuole godersi la vita e non di lavorare. 
 
192 G dand a fa un cavcc da nu par piantgh in dal c ai curi. 
Devo andare a fare un cavicchio (tappo) di noce da piantare nel culo ai curiosi. 
Risposta scherzosa (ma non troppo) a chi fa domande indiscrete. 
 
193 Ul mnd a l in p a cu e dane. 
Il mondo in piedi al culo (donne) e soldi. 
Nel mondo corrotto esiste solo sesso e soldi. 
 
194 - A Natl tc fradi a San Stvan f i curti. 
A Natale tutti fratelli a Santo Stefano fuori i coltelli. 
Bisogna saper perdonare e non a parole solo a Natale ma sempre. 
 
195 - Pred, mongh e fr. fgh la rivernza e lasi and. 
Preti, monache e frati, fate la riverenza e lasciateri andare. 
Qualche anno fa, qundo si incontravano gli eclesiastici si ossequiavano per rispetto.  
 
196 - O par un pe opar na spla i ghn da sumigli a la so cavla. 
O per un piede o per una spalla, devono somigliare alla sua cavalla. 
Ogni figlio che nasce a sempre una parte che assomiglia ai genitori. 
 
197 - I debt da la ga e da cm, in da tc e da ni. 
I debiti della chiesa e quelli del comune, son di tutti e di nessuno. 
Quando la chiesa e il comune hanni i debiti, li dobbiamo sempre pagare noi
 
198 - L'amr nv al va e 'l vgn, l'amr vc al sa mantgn. 
l'amore nuovo va e viene, l'amore cecchio si mantiene. 
Quando provi con un "nuovo amore", sembra pi bello perch una novit, ma poi ti accorgi che era meglio il vecchio amore. 
 
199 - Gurda un m e rimral tt, snza dan cma l' Brt. 
Guarda un uomo e rimiralo tutto, senza soldi come brutto. 
Il vil denaro ti fa vedere tutto pi bello. 
 
200 - chi va in m d'un auct, al sa mngia nca i scivt. 
Chi va in mano all'avvocato, si mangia anche le ciabatte. 
Pensaci 100 volte prima di affidarti ad un avvocato.  
 
 
 
 
 
 
 
 
 
ritorna inizio pagina